31 July 2016

GRECIA: CORFU-CEFALONIA Family on board!

Oggi a Corfù imbarchiamo su Vagabond l'allegria allo stato puro che si presenta a noi sotto le sembianze di una bella famiglia: Lucia, Gughi, Marta e Filippo.
Loro hanno già avuto numerose esperienze di vacanze in barca a vela e vogliono avvicinare i bambini a questa passione comune. Marta 3 anni é alla sua seconda esperienza in barca mentre Filippo 1 anno é al suo primo imbarco. Si sistemano nelle cabine e prendono confidenza con la barca poi percorriamo le 20Mn che ci separano da SYVOTA (39°24.30N 20°13.10E). Dopo aver ancorato, un grosso barcone turistico ci tiene impegnati facendoci provare brividi lungo la schiena mentre manovra in modo sportivo davanti e intorno a noi. Superato il pericolo, tutti sbarcano a terra per un bagno ed un giro di esplorazione. La mattina seguente dopo una buona colazione in pozzetto ci aspetta una veloce veleggiata di 10 Mn verso PAXOS. I bambini sono ben assicurati con le loro cinture e in pozzetto si levano canzoncine e filastrocche di tutti i tipi. Ancoriamo nell'incantevole baia di LAKKA (39°14.21N 20°08.30E) deserta a causa dell'onda, prevista nel pomeriggio, che dovrebbe entrare parzialmente rendendo l'ancoraggio scomodo. Ne approfittiamo per sbarcare, perderci nelle vie del piccolo borgo e soprattutto andare al parco giochi all'ombra di ulivi e piante di limoni. La notte il mare si tranquillizza e al risveglio abbiamo la solita piscina naturale tutta per noi. Mentre stiamo finendo la colazione un enorme yacth si ancora esattamente accanto come fossimo sul molo e invece di spostarsi (come sarebbe sato naturale fare!) tira fuori i parabordi. No panic!!Impossibile ragionare con queste persone che credo di essere i padroni dell'universo, visto che comunque dovevamo partire, togliamo l'ancora e facciamo rotta verso sud. Ci fermiamo a KOUTSI (39°12.93N 20°10.28E) a sole 4Mn di distanza dove ci aspetta un angolo di paradiso indisturbato con mare trasparente e spiaggetta di sabbia chiara. Siamo in tutto tre barche e torniamo ad assaporare la pace e la quiete che ci circonda. Nel pomeriggio salpiamo per GAIOS (39°11.86N 20°11.47E) e sbarchiamo subito per una bella sgambettata in città. Rifornimenti, wifi, passeggiata lungomare e tanta voglia di scoprire gli angoli caratteristici di questo bel villaggio dove il tempo sembra essersi fermato. 
In mattinata sotto un cielo blu e sole splendente partiamo per una bella e lunga navigazione, sono 42 le miglia da percorrere oggi. I bambini sono a loro agio a bordo e noi li teniamo sempre occupati con giochi, libri e canti. Reva é contentissima di avere a bordo dei nuovi compagni di gioco. Filippo, la nostra mascotte, é un vero spettacolo, si muove con assoluta disinvoltura, ride sempre, mangia tutto e ha presto imparato a salutare con la mano e a dire il nome della cuoca di bordo (troppo forte!). 
Alle 13 passiamo il canale che separa l'isola di Levkas dalla terraferma unito da un ponte galleggiante di pochi metri. Ci mettiamo in fila dietro ad una colonna di barche a vela che sfilano nei due sensi, sembra di essere in autostrada. Il canale deve essere continuamente dragato per consentire il passaggio, nei punti più bassi infatti é profondo solo 3,5-4 m. Passato il canale un vento fresco ci permette di valeggiare e coprire le ultime miglia che mancano fino a VARKO (38°45.72N 20°47.81E) dove ancoriamo in tardo pomeriggio. Un bel bagno in questo mare cristallino non ce lo toglie nessuno. Questo é uno dei momenti che preferisco della vita in barca subito seguito da un delizioso aperitivo in pozzetto al tramonto.
Ci svegliamo nella quiete di questo luogo chiamato anche spiaggia dell'albero solitario. A terra una grande spiaggia con prati e colline alle spalle brucata da capre, un grosso albero a pochi metri dal mare cristallino e in un angolo un bar con ombrelloni e sdraie. Verso le 11 salpiamo l'ancora e raggiungiamo la vicina isola di MEGANISSI (38°39.96N 20°48.02E) completamente verde e ricoperta di vegetazione. Gli uomini e i bambini sbarcano sulla spiaggia mentre io e Lucia ci rilassiamo a bordo  avvolte da uno "strano" silenzio...Meraviglioso!
Nel pomeriggio ci rimettiamo in navigazione e veleggiamo rapidi con Gughi al timone fino all'isola di KASTOS (38°33.56N 20°54.53E) a 10Mn. Troviamo un bell'ancoraggio in una baia selvaggia e silenziosa. Tuffi da Vagabond e lunghi bagni in questo mare stupendo. L'allegria é di casa e i bimbi a bordo giocano e si divertono.
Venerdi mattina lasciamo Kastos intorno alle 10 e veleggiamo fino ad ATOKOS (38°29.03N 20°49.28E) un isolotto disabitato a circa 6Mn. Il mare é come una splendida piscina naturale circondato da alte scogliere bianche. I bambini sbarcano in spiaggia con i papà per giochi e bagni mentre noi prepariamo il pranzo. Nel primo pomeriggio si alza un vento forte, l'ancoraggio diventa intenibile e quindi ci prepariamo a ripartire verso Cefalonia. Gughi e Lucia si alternano al timone sotto lo sguardo attento del capitano, i bimbi dormono mentre io preparo crepes per tutti con barca sbandatissima dimostrando ottime abilità di equilibrismo. Niente può superare il gusto unico di una crepes con nutella in piena navigazione. Vero? Il vento ci abbandona e proseguiamo a motore lungo la costa sud di Itaca ma una volta nel canale tra Itaca e Cefalonia un vento teso ci aspetta e ci regala una spettacolare navigazione fino a destinazione. Alle 18 ancoriamo nel porto di EUFIMIA (38°18.04N 20°36.03E) a Cefalonia e dopo 120 Mn di allegra navigazione chiudiamo questo bellissimo viaggio iniziato a Corfù.
Il bello della vita e di questo nostro viaggio é che a volte incontri persone con le quali sei subito in sintonia, tutto é spontaneo e facile...Amici che non sapevi di avere e dovevi solo incontrare. Grazie di cuore! 
Vi aspettiamo presto a bordo!


No comments:

Post a Comment