24 April 2013

BELLA STAGIONE A TAHITI

Con il mese di marzo è finalmente arrivata la bella stagione e dobbiamo riconoscere che con il sole la vita é molto più semplice. Possiamo quindi mettere via le nostre tute da pioggia almeno fino alla prossima stagione. Ritroviamo il piacere di poter andare a lavoro in bici e in scooter. 
I lavori su Coelacanthe avanzano velocemente e siamo davvero contenti delle modifiche che siamo riusciti ad apportare alla nostra dolce casetta galleggiante. Ci prendiamo cura anche di noi e ci coccoliamo dal punto di vista gastronomico con piatti fatti a mano che ci fanno sentire a casa come la pasta fresca, i gnocchi di patate o la crostata.
Purtroppo il lavoro ci assorbe completamente e il poco tempo libero (solo la domenica) che abbiamo lo dedichiamo a noi, al riposo e alla cura della barca. La vita sociale é piuttosto ridotta ma abbiamo dei cari amici (francesi e polinesiani) che vediamo per gite, pic-nic o cene.
Io e Michele siamo contenti di questa sosta a Tahiti perché stiamo lavorando, facendo importanti esperienze professionali e mettendo da parte i soldi che ci permettono di sistemare la nostra Coelacanthe e di viaggiare per i prossimi anni. Ci piacerebbe poter lavorare in condizioni più normali (non sottopersonale come facciamo entrambi) e avere più tempo per approfittare di questa bella isola MA non ci possiamo lamentare visto che abbiamo passato un intero anno in polinesia in viaggio nelle sue incantevoli isole.
La libertà ha il suo prezzo e paghiamo volentieri il conto con il sorriso perché questa é la vita che ci siamo scelti con i suoi vantaggi e svantaggi.
Troviamo comunque il tempo per approfittare di alcuni dei tanti eventi interessanti che Tahiti può offrire. La Mostra fotografica sui volti del Pacifico quando ancora erano in pochi a viaggiare con una macchina fotografica tra le isole di questo oceano immenso e sconosciuto. Tante fiere aperte al pubblico come quella del mare con gli stand per la vela, nautica e le va'a; le varie fiere dell'artigianato delle isole Marchesi, Australi e Gambier dove possiamo rifarci gli occhi apprezzando l'abilità e la creatività di questi artigiani. Le fiere si svolgo solitamente a Papeete o Pirae, sono gratuite e dai temi più diversi (matrimonio, bébé, turismo, tempo libero, nuova impresa, hobby, tatuaggio, perla....) e anche se sono semplici diventano una buona scusa per fare un giro e passare una giornata diversa. Tahiti offre molte attività dalle mostre, al teatro, dalla danza alle fiere, dalle esposizioni ai concerti, dalle competizioni sportive ai tanti concorsi di bellezza che i polinesiani adorano (Miss tahiti, miss heiva, miss dragone, Mister Tahiti ecc...).


Imperdibili sono invece le tante manifestazioni legate alla cultura polinesiana per la musica, la danza, gli usi e costumi tradizionali. Spesso organizzati all'aperto e con libero accesso questi eventi sono uno spettacolo indimenticabile. Ci sono i divertenti sport tradizionali: arrampicata sullla palma da cocco; sollevamento di pietre; decortcazione del cocco; portatori di frutta; tiro del giavellotto; raccoglitori di arance. L'apice di queste manifestazioni tradizionali si ha durante la festa dell'Heiva che si svolge per tutto il mese di luglio dove si possono assistere, in differenti siti dell'isola, a tutte le competizioni e gare tradizionali. Spettacolare.
Noi stiamo bene e facciamo lo sforzo di fare andare bene le cose. La crisi economica sbarca anche a Tahiti e inizia a fare sentire il suo arrivo anche se dolcemente. Alcuni negozi chiudono, altri riducono il personale e in generale tutti hanno meno soldi da spendere. A Studio Reporter ora siamo in 2, sono stati tutti licenziati o se ne sono andati. Io e la mia collega teniamo duro perché il lavoro ci piace e la prendiamo con il sorriso anche se non potremo reggere per molto senza uscirne matte. Stiamo a vedere cosa ci riserva il futuro e cerchiamo di essere positive. Anche Michele si trova nella stessa situazione a volte la mattina si ritrova da solo a gestire cucina e sala. Per fortuna la sera hanno assunto Hiotua per le consegne e per dare una mano in cucina mentre il capo si occupa della sala. Festeggiamo Pasqua che è arrivata velocemente quest'anno portando un carico di dolci uova al cioccolato.
Oggi la mia cara collega Brigitte mi ha regalato un vaso con del basilico selvatico. Sono contenta perché anche se non lo possiamo mangiare é profumatissimo e mette allegria all'ambiente. Ieri Michele è rientrato a casa con una torta preparata dalla mamma del suo collega Hiotua e uno zucchero filato per me. Di una cosa siamo molto contenti io e Michele: i nostri colleghi. Brigitte e Hiotua sono polinesiani, giovani, semplici e due gran belle persone. Con loro siamo riusciti a creare un bel rapporto che ha saputo superare le differenze che ci separano. Abbiamo condiviso risate, soddisfazioni ma anche problemi e tempi duri. Se pensiamo alla nostra futura partenza da Tahiti sappiamo con certezza che sono queste amicizie importanti che ci mancheranno più di ogni altra cosa. Nel profondo del cuore riconosciamo che i loro sorrisi e la loro vicinanza ci hanno permesso di continuare giorno dopo giorno e superare le difficoltà incontrate. Grazie di cuore amici.

No comments:

Post a Comment