29 December 2015

GRENADINE: Canouan e Bequia

Partiamo di buon ora dalle Tobago cays e dopo 6 mn di navigazione veloce di bolina raggiungiamo l'isola di Canouan. Ancoriamo nella grande baia di Charlestown (12°41.51N 61°19.74W) su un buon fondo di sabbia. Mentre l'ancora scende in un acqua incredibilmente cristallina vedo passare sotto lo scafo della barca una razza ed una tartaruga. Sono poche le barche che si fermano in questa isola ancora poco sviluppata turisticamente e totalmente priva di servizi per la nautica. Sbarchiamo sul grande molo e facciamo un giro a piedi per la città. Una lunga via principale con qualche negozietto malfornito, chiesa, casette di legno o muratura e un piccolo spaccio di frutta e pesce vicino al molo. Le persone sono gentili e accoglienti. Ci fermiamo per un lungo bagno sulla bella spiaggia dove si trova un bar con wifi poco lontano dal grande albergo di lusso che occupa mezza baia. Stanno lavorando per terminare l'ampliamento dell'aereoporto. Sulla costa Est si trova un esclusivo albergo con campi da golf vista oceano. Gli investitori non mancano e molti i progetti in corso (anche per la nautica), l'obiettivo é di sfruttare la bellezza dell'isola creando strutture per una clientela esclusiva. La notte l'ancoraggio diventa scomodo per un onda lunga, raffiche e una musica incessante proveniente dalla città fino a tarda ora. Il giorno seguente facciamo rotta su Bequia.




Sono le 7 quando lasciamo l'ancoraggio e veleggiamo lungo la costadi Canouan. Il vento qui é irregolare e pieno di raffiche fino a quando non superiamo l'isola. molte baie sono piene di ruspe e operai al lavoro per le diverse opere in costruzione. È una bellissima giornata di sole e percorriamo rapidamente le 13 mn che ci separano da Petit Nevis ( 12°58.42N 61°14.83W) la piccola isola a sud di Bequia dove ancoriamo. L'ancoraggio é suggestivo e subito ci buttiamo in un acqua limpida piena di pesci colorati e coralli dalle mille forme. Pranziamo a bordo poi sbarchiamo per una passeggiata fino alla cima di questo isolotto disabitato dove possiamo ammirare lo spettacolare panorama sulle isole circostanti. Vediamo Bequia, Moustique, Petitmoustique,Petit Canouan e Canouan. Un tempo quest'isola era una base baleniera con vasche, paioli e ossa dell'animale ovunque. 
Nel pomeriggio facciamo rotta su Bequia e gettiamo l'ancora ad Admiralty bay (13°00.15N 61°14.65W). Questa é l'isola maggiore sotto la giurisdizione di Saint Vincent, lo sviluppo turistico ha creato numerose attività commerciali, albergi e ristoranti soprattutto nella citta di Port Elizabeth. A terra difronte alla banchina dei traghetti si trova un edificio unico con dogana, immigrazione e posta. grazie alla presenza di professionisti e fornitori nautici, questo é il posto migliore per trovare assistenza tecnica (Bequia Marine e Bequia Ship). Anche per i rifornimenti di cambusa é il luogo ideale sia come prodotti freschi nel famoso Rasta Market lungomare che nei diversi alimentari ben forniti. Una volta sbarcati facciamo un giro nella cittadina coloratissima e piena di servizi. troviamo la banca, la farmacia, molti bar e ristoranti, venditori di frutta, bancarelle di artigianato e taxisti che propongono il giro dell'isola. Una passeggiata sul lungomare piena di ristoranti e locali alla moda collega port Elizabeth con le spiagge vicine. L'ambiente é colorato, allegro e accogliente. Passiamo in questa isola qualche giornata tranquilla approfittando dei tanti servizi a disposizione.
L'11 dicembre dopo aver fatto le formalità di uscita lasciamo Baquia e le Grenadine e facciamo rotta sulla Martinica.



No comments:

Post a Comment