23 October 2009

CANARIE Fuerteventura

Venerdì 16/10/2009
Alle 10:00 partiamo per raggiungere l'isola di Fuerteventura.
Navighiamo lungo la costa con una piacevole brezza che ci spinge in questo mare tranquillo senza alcuna onda.
Alle 16 ancoriamo all'isola de Lobos situata nell'estremo Nord di fronte a Corralejo.
L'isola è un parco naturale completamente deserta ad eccezione di quattro casette vicino al molo. Le spiagge sono dorate e l'acqua è limpidissima.
Facciamo il nostro primo bagno in Oceano!
L'acqua non è fredda si sta proprio bene ma in questo punto la corrente è forte e bisogna nuotare anche solo per non essere spinti indietro.
Bagno, sole e libri....oggi è vera vacanza!
Per concludere in bellezza aperitivo e cena in pozetto.
Cala una notte buia senza luna.
Domenica 18/10/2009
Alle 10:00 partiamo alla volta della capitale dell'isola: Puerto del Rosario. Percorriamo la suggestiva costa nord-orientale con le sue lunghe spiagge, le montagne spoglie e i piccolissimi centri abitati fattI in di case bianche.
Alle 18 ancoriamo dietro una massicciata del porto in una zona ben protetta dalle onde. Scendiamo a terra ma essendo domenica siamo accolti da una città fantasma: negozi chiusi e strade deserte. Facciamo due passi e torniamo in barca
Lunedì 19/10/2009
Visitiamo questa città (non molto grande per essere la capitale) che offre poco al visitatore se non curiose sculture ad ogni angolo, una persino dedicata alle capre antiche padrone dell'isola!
Martedì 20/10/2009
Ci mettiamo in marcia verso le 9:30.
Percorriamo la costa del Parco Naturale di Pozzo Negro caratterizzata da suggestive scogliere nere a picco sul mare.
Alle 15:25 ancoriamo davanti a Gran Tarajal un paese di casette colorate circondate dal nulla.
Mercoledì 21/10/2009
Dopo una mattinata di navigazione veloce al traverso ancoriamo a Morro Jable una zona molto vivace e attrezzata turisticamente.
Passiamo la giornata in barca mentre io preparo la bandiera del Senegal, Michele medita su come rafforzare la base di appoggio del timone a vento.
Giovedì 22/10/2009
In questa limpida giornata di sole scendiamo a terra e visitiamo questo paese costruito sulla roccia che scende e si allunga sul lungomare.
La spiaggia è di sabbia chiara e i fondali sono di un turchese che lascia senza parole.
Nel porto non ci sono barche di passaggio ma solo pescatori e locali. Non ci sono negozi per la nautica solo un Cash e una pescheria molto grandi.
Qui partono e arrivano traghetti per l'isola Gran Canaria.
Visitiamo il paese e troviamo un fornaio che fa un pane buonissimo e visto che ultimamente troviamo panettieri che hanno solo baguette scongelate, ne facciamo una bella scorta.
Pranziamo (ovviamente pane e prosciutto) in una piazzetta con lunghe panchine bianche all'ombra delle piante.
Percorriamo il "lungo" lungomare.
In spiaggia ci sono molte persone, incontriamo sculture di sabbia, piante e fiori.
Nel pomeriggio il sole sparisce dietro nuvole minacciose e noi torniamo velocemente in barca.
Venerdì 23/10/2009
Alle 6:50 mentre Fuerteventura sta ancora dormendo partiamo per l'isola di Gran Canaria.
Fuerteventura "un oasi en el desierto da la civilizazion" (Miguel de Unamuno)


www.vagabondsail.com

No comments:

Post a Comment